2010 30 settembre ore 21:00

PARLARE IN NEOLINGUA

Sala del Consiglio - Camera di Commercio di Forlì-Cesena

Orwell e noi

Rocco Ronchi, Università dell’Aquila



«La Neolingua era distinta da quasi tutte le altre lingue dal fatto che il suo vocabolario diventava ogni giorno più sottile invece di diventare più spesso.

Ogni riduzione rappresentava una conquista, perché più piccolo era il campo della scelta e più limitata era la tentazione di lasciar spaziare il proprio pensiero.

Si sperava, da ultimo, di far articolare il discorso nella stessa laringe, senza che si dovessero chiamare in causa i centri del cervello».

 

George Orwell, 1984